Razzismo sulla strada: un'intervista con Alex


L'intervista di questo mese arriva da Alex, un ragazzo nero di 29 anni della California del Nord. Quando mi ha contattato all'inizio di quest'anno per fare un'intervista e ha raccontato la sua storia e le barriere - razziali e non razziali - che ha affrontato prima e sulla strada, sapevo che doveva essere presentato qui. Come un occidentale bianco, la mia esperienza è molto diversa dalla maggior parte degli altri. Non affronto molti dei pregiudizi che altri potrebbero fare e, mentre questo sito è chiamato "Nomadic Matt", lo considero una risorsa per tutti i viaggiatori - e l'unico modo per farlo è di aggiungere voci come Alex. Quindi, oggi, senza ulteriori indugi, ecco Alex:

Nomadic Matt: Ciao Alex! Benvenuto! Racconta a tutti di te.
alex: Sono un 29enne della California del Nord. Sono cresciuto in una città nella baia di San Francisco chiamata Alameda. Dopo aver finito il college in Arizona, sono tornato alla Bay Area e ho lavorato a San Francisco prima di lasciare il mio lavoro per viaggiare per il mondo. So che la decisione ha scioccato mia madre e molti dei miei amici, ma so che per me è stata un'esperienza necessaria per abbracciarmi in questo momento della mia vita.

Cosa ha ispirato il tuo viaggio?
La risposta breve è che volevo vedere il mondo. La risposta più sfumata è che volevo vederlo attraverso il mio obiettivo. Con le meraviglie del world wide web, siamo inondati di informazioni e immagini di persone e luoghi da tutto il mondo. Avevo bisogno di vedere come fosse il mondo attraverso i miei occhi, attraverso le mie conversazioni con persone in tali luoghi, e attraverso la mia esperienza personale di crescita e cambiamento nel viaggiare verso questi luoghi.

Dopo aver letto così tanti blog di backpacking, mi sono ispirato e sapevo che dovevo farlo. La mia intenzione originale era di viaggiare per sei mesi ma 11 mesi dopo, sto ancora andando!


Come stai finanziando questo viaggio?
Ho lavorato in finanza per cinque anni. Avevo risparmiato per viaggiare da quando ho iniziato a lavorare. Una volta presa la decisione di fare questo viaggio, ho iniziato a fare gli opportuni sacrifici per aumentare il mio fondo di viaggio (come saltare i viaggi più piccoli con gli amici e ritirare le cene costose e le grandi schede dei bar).

Dopo aver letto diversi blog di viaggio e il tuo libro Come viaggiare per il mondo a $ 50 al giorno, Sono stato in grado di risparmiare $ 25.000 USD per un anno di viaggio. Per riuscirci, ho iniziato a depositare automaticamente i soldi dalla mia busta paga ogni due settimane. Ridussi la spesa ai non essenziali, ad esempio mangiando di meno, annullando i servizi che usavo raramente e saltando le vacanze più piccole. Mentre il tempo si avvicinava, ho fatto soldi vendendo mobili e altri oggetti dal mio appartamento. Anche l'ultimo assegno di bonus dal lavoro ha aiutato un po 'pure. In tutto, ci è voluto poco più di un anno per risparmiare abbastanza soldi per questo viaggio.

Avevo amici che mi dicevano che non avrebbero mai potuto permettersi di fare quello che sto facendo, ma che spenderebbero $ 400 al mese per le lezioni di ciclismo organizzato e $ 500 / fine settimana per le bevande. Risparmiare i soldi necessari per un viaggio come questo non è stato facile e ha richiesto molti sacrifici. Tuttavia, sapevo che viaggiare era l'obiettivo finale e questa era una parte del processo per raggiungere questo obiettivo.

Hai qualche consiglio specifico per le persone che risparmiano per il loro viaggio?
Il mio consiglio e qualcosa che mi ha aiutato molto è stato quello di analizzare la mia spesa per un periodo di 3 mesi. La tua banca o la tua compagnia di carte di credito di solito fornisce queste informazioni gratuitamente o puoi farlo tu stesso. Identifica cosa consuma la maggior parte del tuo reddito e scopri come ridurlo.


Perché non pensi che altre minoranze viaggino? Hai detto nella tua e-mail originale che i tuoi amici e familiari hanno detto che eri "troppo bianco" facendo questo.
Il commento "stai recitando in bianco" è uno che ho sentito per tutta la vita. Quando ho mostrato interesse per la mia formazione e per la mia carriera in finanza, recitavo in "bianco". Quando sono andato contro la norma abbandonando il mio lavoro per recarmi, stavo recitando in "bianco". Onestamente, è tutto abbastanza confuso e fa provare a Sii te stesso molto più difficile. Per quanto riguarda il viaggio all'estero, forse la gente lo vede come una sorta di privilegio che non è generalmente associato alle minoranze. Ma ancora una volta, si tratta di priorità e se viaggiare è una priorità è possibile trovare un modo per farlo senza essere un membro dell'élite della classe superiore.

Penso che un altro motivo per cui le minoranze non viaggiano tanto è la mancanza di esposizione. Senza amici intimi e familiari che hanno o viaggiano, come potrebbe qualcuno sapere che questo è qualcosa da fare? O che vale la pena farlo?

Ora, non intendo suggerire che le minoranze non viaggiano affatto. Questo non è certo il caso in quanto ho viaggiato abbastanza spesso da bambino con la mia famiglia. Tuttavia, etichettavo questo tipo di viaggio come in vacanza - ed era sempre in luoghi familiari. Dove vedo una mancanza di viaggiatori minoritari è in quei posti sconosciuti come il sud-est asiatico. A mio parere, il Sudest asiatico è un posto perfetto per le persone di qualsiasi colore e budget. Eppure vedo soprattutto viaggiatori bianchi qui - perché è così?

Molte minoranze della mia età negli Stati Uniti provengono da famiglie in cui i loro genitori e nonni non hanno avuto l'opportunità di esplorare il mondo. Invece, erano probabilmente in lotta per i loro diritti civili e l'uguaglianza (che era una priorità più urgente). Molti erano anche immigrati recenti negli Stati Uniti e si concentravano sulla creazione di una nuova vita in un paese sconosciuto. Quindi penso che, a causa della mancanza di visibilità nelle comunità minoritarie, l'idea di viaggiare per il mondo non sia così diffusa. L'idea di viaggiare all'estero è stata associata ai bianchi e ai privilegi. Anche se, a volte non sembra, l'opportunità per le minoranze di viaggiare ed esplorare è ora molto più grande. Dovremmo approfittare dei sacrifici fatti dalle generazioni prima di noi.

Come pensi che l'opinione possa cambiare? Pensi che lo sarà mai?
Penso che l'opinione cambierà nel tempo e uno sforzo per educare i giovani delle minoranze sul viaggio e sulla sua accessibilità. È incoraggiante vedere organizzazioni e individui che cercano di contribuire a spingere questo sforzo. Con l'emergere dei social media, tutti possono ora condividere le loro esperienze di viaggio con un gruppo più ampio di individui. Forse un'immagine di Instagram delle bellissime spiagge della Thailandia ispira un giovane di colore a lavorare per un giorno a visitare, a prescindere dagli ostacoli che si frappongono. So per me stesso che mi ha aperto gli occhi e la mente in centinaia di posti che vorrei visitare.


Hai mai affrontato un razzismo durante il viaggio? Come lo gestisci?
Ho pensato che avrei incontrato il razzismo a un livello più alto viaggiando attraverso l'Europa e l'Asia di quello che ho vissuto a casa. Ma nei miei 9 mesi di viaggio in grandi città, piccole città, aree urbane e rurali, non riesco a pensare a una volta in cui ho sperimentato un razzismo intenzionale. Ci sono stati un paio di episodi di ignoranza ma non quello che considererei il razzismo.

Ho una storia interessante che condividerò quando ero in questa piccola città al confine con il Montenegro. Basandomi sugli sguardi di curiosità che ho ricevuto, sono abbastanza certo di essere stato il primo uomo di colore a viaggiare in questa città per un lungo periodo. Mentre mi dirigevo alla fermata dell'autobus, ho avuto un breve incontro con quello che immaginavo fossero ragazzi in età avanzata. Mentre stavo sull'incrocio, lentamente arrivarono con la loro musica rap alzata e urlò fuori dalla finestra "Come va il mio negro?" Accompagnato da un gesto di segno di pace. Avendo sentito la parola "negro" gridato da un'auto prima, la mia guardia si alzò immediatamente. Ma poi ho visto lo sguardo sui volti dei giovani ragazzi. Stavano sorridendo come se avessero incontrato qualcuno famoso. In quel momento mi resi conto che dovevano presumere che fosse un modo appropriato di salutare un maschio nero. Ho semplicemente riso mentre scuotevo la testa. Questi ragazzi ripetevano ciò che venivano nutriti attraverso la musica e i film come "cool", probabilmente senza conoscere l'origine o il significato della parola che usavano. Vorrei solo che avrei potuto usarlo come un'opportunità per insegnare loro la realtà di quella parola e le sue connotazioni, ma questo non era un crimine di odio.

Se qualcuno mi trattava in modo diverso per essere nero, non ne ero consapevole. A volte mi sento più incline a essere trattato diversamente per essere americano rispetto a qualsiasi altra cosa. Sono venuto a sapere che la maggior parte dei viaggiatori è estremamente aperta e interessata a conoscere i luoghi in cui viaggiano e le persone che incontra lungo la strada. Sareste sorpresi di quanti altri viaggiatori esprimano la loro curiosità e preoccupazione per la mancanza di viaggiatori minoritari.

Che consiglio hai per gli altri viaggiatori delle minoranze preoccupati del razzismo / pregiudizio quando viaggiano?
Il razzismo è onnipresente. Se stai per metterti in un contesto di "altri", sperimenterai "l'altro" - questo è ciò che gli umani hanno fatto per tutta la nostra esistenza. Ma penso che un consiglio importante è che non si può confondere il razzismo e l'ignoranza. È probabile che viaggerai in luoghi incredibilmente omogenei, quindi incontrare o vedere una minoranza come te può essere la prima volta per loro. Prendi questa opportunità per insegnare a qualcuno su di te e sulla tua cultura. Un sorriso e una rapida chiacchierata possono fare molto per imparare a conoscere le nostre differenze, ma ancora di più le nostre somiglianze con gli umani. Se ti trovi in ​​una situazione in cui ritieni di essere trattato in modo diverso a causa del colore della tua pelle, suggerirei educatamente di andarmene. Non permettere che il razzismo o la discriminazione "vinca" provocando una tua reazione negativa e magari rovinando la tua avventura. Il mondo è pieno di persone incredibili e accettanti e ho fiducia che se vieni fuori sulla strada le troverai!

Qual era il momento in cui eri come "Wow! Lo sto davvero facendo! Questo viaggio è vita reale! "?
Quei momenti accadono così frequentemente. Dal primo viaggio in treno in Europa, guardando fuori dalla finestra mentre viaggiavo da Stoccolma a Copenaghen, immaginavo il viaggio davanti a me, fino a sedermi sulla cima di una pagoda in Myanmar guardando il sole sorgere, proiettando la luce su uno stupefacente momento. Questo viaggio è stato la migliore esperienza della mia vita fino ad ora e mi permetto di riflettere e di essere grato per tutti i momenti incredibili spesso.

OK, cambiamo marcia e parliamo del lato pratico del viaggio. Come fai a far durare i tuoi soldi sulla strada? Quali sono alcuni dei tuoi migliori consigli?
Il mio suggerimento più importante per la folla di viaggiatori zaino in spalla è controllare la spesa per l'alcol perché quelle birre si sommano velocemente. Chiedete in giro dove si trovano le migliori happy hour e bevande speciali. Se siete con un gruppo numeroso, provate a negoziare il vostro accordo sulle bevande. Meglio ancora, vai a comprare alcolici dal negozio, prendi un altoparlante per ascoltare musica e bere fuori da qualche parte. Quelli tendono ad essere alcune delle serate migliori e meno costose!

Se potessi dare tre consigli a un nuovo viaggiatore, quale sarebbe?
Sono una di quelle persone a cui piace pianificare e fare ricerche prima di andare in un posto nuovo. Tuttavia, non pianificare troppo il tuo viaggio. Lascia un po 'di spazio alla spontaneità. Incontrerai sicuramente delle persone fantastiche o una persona speciale e vorresti continuare a viaggiare con loro. È difficile da fare se hai prenotato l'intero viaggio. Metti giù il telefono, sorridi e saluta qualcuno di nuovo. Prometto che l'interazione sarà più interessante di qualunque cosa tu stia leggendo su Facebook. Trova un'attività in cui partecipare che ti aiuti a superare una paura. L'acqua aperta mi spaventa e per affrontare quella paura mi sono tuffato. Inoltre, scegli un'attività che ti sfida mentalmente e fisicamente. Ho scalato gli oltre 5000 gradini fino alla vetta del Picco di Adams nello Sri Lanka. È stata una delle esperienze più gratificanti del mio viaggio. Infine, trova il modo di restituire mentre viaggi. Il volontariato, la donazione e il turismo responsabile sono alcuni dei modi per aiutare a sostenere le comunità locali che si stanno attraversando e che hanno un impatto.

####Nota dell'editore: Questa intervista non è una discussione finale su razzismo e viaggi. È la prospettiva di un ragazzo. Dato che questo è un argomento che mi viene spesso chiesto, volevo condividere la storia e la prospettiva di Alex sull'argomento. So che questo può essere un argomento appassionato, ma ti preghiamo di mantenere tutti i commenti civili e rispettosi.

Loading...