Tutti i viaggiatori sono creati uguali (quindi non essere uno scatto!)


Aggiornato: 03/02/2019 | 2 marzo 2019

Recentemente ho esaminato la mia intervista con Rolf Potts e ho pensato ai nostri discorsi sulle false distinzioni che i viaggiatori fanno tra loro. Spesso competiamo per dimostrare chi è un viaggiatore migliore o come non siamo come "i turisti".

Mentre viaggi per il mondo e rimbalzi da un ostello all'altro, incontrerai inevitabilmente alcuni viaggiatori che cercano di dimostrare il loro status e la loro superiorità parlando di quanto tempo sono stati sulla strada o dove sono stati, o sottolineando numero di autobus locali che hanno preso. Trattano il viaggio come una sorta di competizione come se il vantarsi dei diritti fosse la parte più importante dell'essere sulla strada.

Dopo un decennio di viaggio, ho incontrato più della mia buona parte di questi tipi di viaggiatori. Ti dirò cosa finisco sempre per dirgli: tutti i viaggiatori sono creati uguali.

Mentre preferirei ricevere consigli da qualcuno che ha viaggiato per 10 anni su qualcuno che è partito da ieri, il viaggiatore più anziano (e Rolf probabilmente sarebbe d'accordo) non è "migliore" per un viaggiatore del viaggiatore più giovane. Tutte le nostre esperienze e opinioni sono preziose. Non sei un viaggiatore migliore semplicemente perché:

1. Hai viaggiato per oltre X anni!

X anni è un tempo lungo per viaggiare, e hai senza dubbio delle esperienze fantastiche. Ma questa non è una competizione. Non otterrai un premio perché sei rimasto in viaggio più a lungo di qualcun altro.

Quando le persone mi chiedono da quanto tempo sono in viaggio, raramente rispondo a questa domanda negli ostelli, perché odio il "Wow! "E 'fantastico!" Risposta - dove poi qualcuno entra e dice "Oh sì, sono stato in viaggio per X anni". C'è sempre qualcuno che sta andando più a lungo di te. Dan e Audrey di Uncornered Market hanno messo a tacere il mio decennio di viaggi - così fa un milione di altre persone che ho incontrato sulla strada.

La durata dei tuoi viaggi non significa nulla e non dovresti mai far sentire male qualcuno per essere un principiante. Il viaggio è un privilegio, e non tutti hanno il lusso di percorrere la strada per così tanto tempo.

Alla fine della giornata, siamo tutti principianti a un certo punto - e c'è sempre qualcuno che è stato là fuori più a lungo di noi.

2. Sei stato in oltre X paesi

Il viaggio non riguarda la quantità; si tratta di qualità. Nei miei primi tre anni in giro per il mondo, ero solo stato in circa venticinque paesi. Ci sono molte persone che sono state molto di più in molto meno tempo. Ma viaggiare più lentamente (vale a dire, passare più tempo in ogni luogo) è, per me, un modo molto migliore per conoscere i luoghi che visito.

Il viaggio non è un concorso. Non è una gara. Trascorrere una giornata in un paese solo per dire che sei "stato lì" è egoista e stupido. Conosco viaggiatori terribili che sono stati in tutti i paesi del mondo e conosciamo viaggiatori straordinari che sono stati solo in coppia. È il tipo di persona che non sei il numero di paesi in cui sei stato.

3. Non ci vai - è troppo turistico

C'è un motivo per cui le persone vanno a Bali o Parigi, fanno un'escursione nell'Inca Trail o si dirigono a Las Vegas - questi posti sono divertenti o belli. Possono essere commerciali, troppo cari e pieni di "turisti", ma sono comunque luoghi interessanti da visitare.

Il numero di piccoli villaggi che hai sotto la cintura non è proporzionale alla grandezza di un viaggiatore. Certo, penso che le persone dovrebbero scendere il percorso turistico il più spesso possibile. Esplora l'inesplorato. Passeggia nei quartieri per vedere il ritmo della vita locale. Trova una mappa, scegli un luogo a caso e vai lì. Alcuni dei miei migliori ricordi di viaggio sono quando andavo in città meno conosciute.

Ma ho anche grandi ricordi da luoghi popolari come la Gold Coast, Amsterdam, Khao San Road e Barcellona.

Nessun posto è troppo turistico. Gli abitanti del posto vivono ovunque e spesso non interagiscono con i turisti ... perché vivono nei quartieri locali. Vedo a malapena i turisti nella mia zona di New York o Parigi. Perché? Perché io non vivo in un'area turistica a terra zero!

Una destinazione è solo turistica quanto te.

Non cercare di essere cool.

Non giudicare un viaggiatore solo dai luoghi in cui si recano o dal tipo di viaggio che abbracciano. Siamo tutti qui fuori cercando di divertirci. A ognuno il suo.

4. Fai solo ciò che fanno i locali

Puoi mangiare in tutti i ristoranti locali che desideri e prendere quanti più autobus locali puoi, ma questo non significa che tu conosca lo stile di vita locale. Se vuoi davvero vivere come un locale, compra un appartamento e trova un lavoro.

Non passare tre giorni in un posto, trascorri tre mesi o tre anni.

Allora, e solo allora, puoi iniziare a considerarti un locale.

Dal tuo stesso essere lì, non stai facendo quello che fanno i locali. La gente del posto non fa un giro turistico e mangia i pasti stravaganti. Raccolgono i bambini da scuola, vanno al lavoro, fanno commissioni e cercano di rilassarsi.

Mentre il mondo può essere pieno di culture e cibi diversi, più viaggi, più realizzi che le persone sono essenzialmente le stesse. Non importa se vivi in ​​Egitto, in Mongolia, in America o in Francia - tutti si alzano, vanno al lavoro, vogliono essere felici e vivono bene, e spera che i loro figli abbiano una vita migliore.

5. Non fai tour

Parlare di spazzatura sui viaggiatori del gruppo turistico non ti rende migliore di loro; ti rende solo un idiota. Le persone che lo dicono spesso dimenticano che anche il giro in barca che hanno fatto a Phuket o quel viaggio a Fraser Island in Australia è stato un tour. Non tutti i tour sono grandi autobus a due piani pieni di turisti che indossano sandali. Possono essere anche piccoli tour con lo zaino in spalla.

La maggior parte dei tour non sono intrinsecamente cattivi. Ne ho presi alcuni e li ho goduti. Tutto dipende dal gruppo e dalla compagnia con cui vai.

***

Il viaggio è un'esperienza molto personale. Ognuno prende la propria strada in tutto il mondo. Non esistono due viaggi uguali e quindi non è possibile confrontare due viaggi. Viaggiare significa aprire la tua mente a nuove esperienze e persone. La mentalità concorrenziale ti limita semplicemente a questo.

Se sei un "vero" viaggiatore, sai che tutti i viaggiatori sono uguali e queste false mentalità non contano. Ricorda che c'è sempre qualcuno là fuori che è stato in più posti, ha visto più cose e ha trascorso più tempo sulla strada di te.

E se qualcuno sta giudicando i tuoi viaggi o sta cercando di abbatterti, non ne vale la pena. Come una destinazione di cui ti sei stancato, semplicemente vai avanti e trova persone degne del tuo tempo e che ti solleveranno, non metterti giù.

Come viaggiare per il mondo a $ 50 al giorno

Mio New York Times la guida best-seller dei libri tascabili ai viaggi nel mondo ti insegnerà come padroneggiare l'arte del viaggio risparmiando denaro, scendendo da sentieri battuti e facendo esperienze di viaggio più ricche e locali.

Clicca qui per saperne di più sul libro, su come può aiutarti e puoi iniziare a leggerlo oggi!


Guarda il video: A Show of Scrutiny. Critical Role. Campaign 2, Episode 2 (Dicembre 2019).

Loading...